IL SUONO DELLE PAROLE

Le note che parlano di te | Laboratorio rivolto alle mamme e ai bambini di comunità

IL LABORATORIO

Uno strumento efficace per esplorare i propri vissuti da prospettive diverse è l’utilizzo della musicoterapia, un’ esperienza sonora, musicale e corporea volta a favorire l’acquisizione di una maggiore capacità di entrare in relazione con se stessi e con gli altri.

Il suono e la musica vengono utilizzati come elementi relazionali, in cui convergono e si integrano le esperienze e le modalità espressive dei bambini e delle loro mamme. La musicoterapia utilizza la capacità dei suoni di provocare nell’individuo sia reazioni emotive che fisiologiche, facilitando di conseguenza l’espressione delle emozioni e delle risorse creative di ciascuno. 

Il contesto musicoterapico è un luogo ideale per osservare le caratteristiche comunicative dei bambini in interazione con le loro mamme e ricercare chiavi di lettura e orizzonti di senso. Durante l’improvvisazione sonoro-musicale viene osservata la comunicazione tra bambino e materiale (strumenti musicali), tra bambino e musicoterapista (tramite gli strumenti), tra bambino e mamma e fra bambino e bambino. L’intento è di creare una colonna sonora che accompagni i momenti più intimi della relazione unica mamma-bambino.  

Image by Jordan Whitt

TARGET

Il laboratorio è stato pensato per un massimo di 6 mamme con i loro bambini.

OBIETTIVI

1. Sviluppare una maggiore autoconsapevolezza di Sé e degli altri, dei desideri e delle aspettative di ognuno

2. Migliorare il benessere psicofisico riducendo lo stress, l’ansia e la depressione

3. Migliorare l’attenzione e il pensiero creativo,  riducendo l’aggressività e la tensione 

4. Migliorare la gestione delle emozioni e il contenimento della reattività e degli impulsi

5. Rafforzare le abilità metacognitive e favorire le competenze interpersonali

PERSONALE

Rita Ghezzi, Psicologa e Psicoterapeuta, e Stefano Taglietti, Musicoterapeuta e consulente autobiografico, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Cascina Paradiso FA (BG) organizzano laboratori di musicoterapia, autobiografia musicale e psicoterapia rivolti alle mamme e ai bambini ospiti della struttura.

METODOLOGIA

Vengono invitati i bambini ad esplorare gli strumenti musicali e a comunicare con le proprie mamme attraverso i suoni, ad ascoltare sé stessi e gli altri e a riprendere le loro modalità espressive.  L’improvvisazione sonoro-musicale coinvolge corpo, mente ed emozioni e si propone di valorizzare le possibilità di comunicare mediante un linguaggio non-verbale e analogico, attivando tutti i sistemi sensoriali. La capacità di improvvisare viene utilizzata nel processo musicoterapico in quanto permette al mondo sonoro interiore del bambino di entrare in risonanza con il mondo esterno e di riconoscere altre forme, altri oggetti, altri individui alla ricerca di un suono comune. Si offre così ai bambini e alle loro mamme, un momento in cui attenzione ed ascolto consentono di fare un’esperienza profonda e globale.